Capo Caccia

A pochi chilometri da Alghero, situato nell'estremità nord-occidentale della Sardegna, si erge il promontorio calcareo di Capo Caccia. E' sicuramente il più bello ed interessante dell'isola, non solo per la sua flora e la fauna presente ma sopratutto per i misteriosi labirinti di caverne presenti al suo interno.

Poderose pareti di calcare alte circa 300 m. precipitano verticalmente sul mare. Le onde che s'infrangono violente sulle pareti sembrano neanche scalfire la roccia, eppure un paziente lavorio di migliaia di anni l'hanno modellata creando grotte, cavità marine, archi, gallerie naturali. Infatti la celebrità di Capo Caccia è legata proprio ad uno di questi miracoli della natura "la grotta di Nettuno" meta, ogni anno, di migliaia di visitatori. Il promontorio deve il suo nome a battute venatorie tanto fruttuose da passare alla storia. Si cacciava di tutto in particolare i piccioni "torraioli" e selvatici. Si narra che i cacciatori non spararavano neppure un colpo vista l'abbondanza di selvaggina e catturavano le loro prede afferrandole direttamente con le mani.